Feed Rss Twitter Facebook
Sei nuovo? Registrati Gratis!

Calcio a 5 Futsal Calcetto in un Click!

, Italy   

Nazionali 2017/2018
Regionali 2017/2018






Interviste: Davide Baldini, il nuovo che avanza a Bagnolo

Calcio a 5 Serie B/C News

Giovedì, 16 Marzo 2017 @ 23:25:00

 

“Dedico la mia prima da titolare a mister e compagni”

Il nuovo che avanza nel Bagnolo secondo in classifica si chiama Davide Baldini, classe ’96. Mister Manuel Ruini sabato scorso a Chiavari l’ha gettato nella mischia, schierandolo a sorpresa fra i titolari, e lui ha risposto presente.

Quando il mister negli spogliatoi ha dato il quintetto iniziale e hai sentito pronunciare il tuo nome hai pensato a un errore? Come hai vissuto la tua prima da titolare?
“A dirla tutta nello spogliatoio dopo il riscaldamento qualcuno mi aveva già avvisato, comunque è stato gratificante ed è sempre un piacere dare una mano alla squadra, in qualsiasi occasione”.

Senza scendere nei particolari della vita privata, ma per te è stata una stagione parecchio complicata per questioni extra sportive. Hai una dedica per questa prima da titolare?
“Sì, è vero, soprattutto nella prima parte della stagione sono mancato diverse settimane per problemi familiari. Dedico questa prima da titolare a tutti i miei compagni di squadra e a mister Ruini”.

Il tuo è un “mestiere” ingrato: ti alleni con la prima squadra in settimana, poi arriva la partita del sabato e sai che potrai contare su un minutaggio limitato. Come vivi questa situazione? Riesci a rimanere sempre collegato?
“La vivo tranquillamente, mi alleno dando sempre il massimo ed anche in partita quando entro, anche solo per pochi minuti, cerco sempre di fare del mio meglio”.

Negli ultimi due campionati a Bagnolo sono passati diversi top player. Cosa sei riuscito a imparare da loro?
“Sono riuscito ad imparare sicuramente tantissimo da quasi tutti i top player con cui ho giocato, da Mirko Antonietti a Nando Giardino, da Francesco Pittella ad Alen Protega, ma se devo fare un nome in particolare dico senza ombra di dubbio mio "fratello” Evandro, il giocatore più forte che io abbia mai avuto come compagno di squadra, con cui ho l'onore di giocare ed allenarmi. Mi ha insegnato che il duro lavoro ripaga sempre, ma prima di tutto a non mollare mai”.

In cosa devi ancora migliorare come giocatore?
“Beh, direi semplicemente in tutto. In primis sui cali di concentrazione (che non mancano mai), poi dalla fase offensiva a quella difensiva. Diciamo pure che ho molto su cui lavorare”.

Qual è il segreto del Bagnolo secondo in classifica, reduce da dieci vittorie di fila?
“Non c'è nessun segreto, dieci vittorie consecutive non credo siano arrivate per caso. Lavoriamo sempre al massimo per migliorarci ogni allenamento, partita dopo partita, siamo un grande gruppo e cerchiamo sempre di aiutarci l'uno con l'altro, perché alla fine l'unica strada possibile per vincere le partite è giocare di squadra”.

E questa Under 21 che rischia di non andare nemmeno ai play off? Che è successo in questo campionato?
“Sono cambiate tante cose rispetto all' anno scorso, a partire da allenatore a diversi giocatori. Non siamo quasi mai stati al completo per vari motivi e non abbiamo avuto continuità durante il campionato. Questo non è stato sicuramente l'anno migliore per l'under 21, ma crediamo ancora nei play off”.



Ufficio Stampa ASD Bagnolo Calcio a 5





Commenta la notizia
0
Commenta