Feed Rss Twitter Facebook
Sei nuovo? Registrati Gratis!

Calcio a 5 Futsal Calcetto in un Click!

, Italy   

Nazionali 2017/2018
Regionali 2017/2018






FENICE VENEZIAMESTRE - MANZANO BRN 1988 3-2

Calcio a 5 Serie B/B News

Martedì, 11 Aprile 2017 @ 23:17:00

 GOAL:
p.t. Hasaj (4´), Zanuttini (9´), Vanin (15´);
s.t. De Battista (10´), Duricic (13´).

FENICE VENEZIAMESTRE:
Bartolo, Caregnato, Vanin, Meo,
Zupperdoni, Marton, De Battista, Ortolan, Cavaglià, Hasaj, Nalesso, Molin.
All. Pagana.

MANZANO BRN 1988:
Patti, Papa, Wemnolowa, Zanuttini, Teixeira, Giannullo, Viapiana, Sansica, Shimba, Gasich, Duricic, Cattarin.
All. Genna.

ARBITRI: Serfilippi di Pesaro e Gobbi di Macerata.

NOTE: amm. Ortolan, Patti, Teixeira.

La Fenice Veneziamestre conquista la vittoria e accede ai play-off, condannando il Manzano alla retrocessione in una partita incerta fino all´ultimo, certamente non bella, condizionata dalla tensione per l´importanza della posta in palio per entrambe le formazioni. Lo si vede sin dalle prime battute che i ragazzi di Pagana sono nervosi, sbagliando appoggi anche semplici. Al quarto minuto però i padroni di casa passano in vantaggio. Buona circolazione di palla con Ortolan che dall´angolo serve dall´altra parte Hasaj che insacca. De Battista avrebbe l´occasione di raddoppiare, ma Patti salva di piede con l´aiuto del palo. Gli arancioblù sbagliano però troppo, concedendo ripartenze agli ospiti che però sono poco lucidi per concretizzare. Il Manzano pareggia comunque al nono, con Zanuttini che si gira e Molin non riesce a trattenere la sua bordata. Al dodicesimo in due occasioni, prima con Ortolan da due passi, quindi con Cavaglià, i lagunari potrebbero tornare in vantaggio ma Patti è puntuale tra i pali. Al quarto d´ora però Hasaj batte un calcio di punizione servendo sulla destra Vanin che trova lo spiraglio per il gol. Prima dell´intervallo c´è il tempo per una parata di Molin su Gasich e del clamoroso palo colpito da Nalesso. In avvio di ripresa la Fenice sembra un po´ in difficoltà sulla pressione degli avversari, che hanno diverse buone occasioni. Al decimo però i lagunari volano in contropiede e una splendida triangolazione avviata da Nalesso e rifinata da Cavaglià smarca De Battista per il 3-1. A quel punto il Manzano, con le spalle al muro, gioca la carta del quinto di movimento. I friulani rischiano parecchio, perché per tre volte Ortolan sfiora il gol a porta vuota, colpendo anche un palo. Al tredicesimo però la buona circolazione di palla permette al Manzano di accorciare con Duricic. La tensione sale alle stelle, anche Cavaglià sfiora il gol a porta vuota, ma quello del Manzano è un assedio e per fortuna Molin non si fa mai sorprendere, salvando nel finale in un paio di occasioni la porta della Fenice, che al fischio liberatorio dell´arbitro comincia a festeggiare questo straordinario traguardo.
--





Commenta la notizia
0
Commenta